Figli che abusano di alcol

alcolL’alcol e le droghe sono una moda con un tasso di popolarità in crescita tra i giovani e questo dovrebbe preoccupare i genitori, soprattutto quando si tratta dei ragazzi più giovani che fanno le prime esperienze avvicinandosi  a queste sostanze.

Specialmente ora che si avvicina l’estate, dovrebbero essere prese misure preventive per salvaguardare la salute e la sicurezza dei vostri ragazzi.

Quello dei genitori è un ruolo di vitale importanza nel crescere adolescenti sereni e in salute. È facile dire che i ragazzi “già sanno” quanto è pericoloso bere alla loro età, ma le statistiche provano che questo è totalmente falso.

Secondo il CDC Americano (Centers for Desease Control and Prevention), un sondaggio condotto nel 2011 indica che il 39% degli studenti delle scuole superiori ammise di aver bevuto alcol nei 30 giorni precedenti al sondaggio. Inoltre il 22% dei partecipanti ammise di aver bevuto alle feste nel mese precedente e il 24% di aver bevuto e in seguito essere saliti a bordo di un veicolo con un guidatore ubriaco.  I danni e le conseguenze della guida in stato di ebbrezza sono tristemente noti a tutti.

Cogliete l’opportunità dunque di parlare ai vostri figli del bere in giovane età, prima che accada qualcosa di grave.

Consigli per prevenire l’abuso giovanile di

alcol

Parlare con i propri figli di abuso di alcol non è sempre facile. Stabilite con vostro figlio una forte relazione basata su onestà, fiducia e affetto. Mettendoci del vostro, provate ad incorporare i seguenti tre modi per prevenire l’abuso giovanile di alcol:

•    Siate coinvolti
Fate uno sforzo per essere parte della vita di vostro figlio. Ponete delle mete, parlate delle notizie attuali o di cose che egli trova interessanti. Siate dei genitori sinceramente interessati, questo permetterà una più facile introduzione degli argomenti più difficili da affrontare.

•    Siate onesti
La maggior parte degli esperti non consiglia di condividere i vostri “racconti di battaglia” con i vostri figli (esperienze personali di abusi di sostanze passati). Piuttosto, provate un approccio onesto e relativo ai fatti. Usate esempi di individui (compagni, familiari o personaggi pubblici) che entrambi avete visto bere in modo eccessivo o drogarsi e discutete di questi esempi. In ogni caso, non mentite se vi vengono fatte domande dirette, questo vi farebbe perdere credibilità e stima.

•    Siate d’esempio

Esprimete la vostra opinione a riguardo e dimostratene la validità evitando voi stessi di abusare di queste sostanze.

Se guadagnate il rispetto dei vostri figli essi tenderanno a prendervi come modello di comportamento e imiteranno molti vostri gesti.

 

Quanto si beve alle feste?

cocktailsMolti giovani non aspettano altro che il week end per sballarsi con più alcol possibile. Solitamente si parla di 4-5 drink in un brevissimo lasso di tempo, aggiungendo magari assaggi dai cocktail degli amici o di persone appena conosciute che “attaccano bottone”. Consumare così tanto alcol e soprattutto mischiare cocktail diversi porta ben presto ad uno stato di ubriachezza che talvolta si traduce in violenza, incidenti o avvelenamento da alcol con conseguente corsa al pronto soccorso.

Questo comportamento aumenta esponenzialmente nei mesi estivi quando si esce di più, non si va a scuola il giorno dopo e ci si annoia a morte quindi che si fa? Si beve, tanto poi “ci si dimentica tutto” e i genitori “lavorano sempre, figurati se se ne accorgono”.

Sta ai genitori prendersi la responsabilità di evitare o per lo meno marginare questo tipo di atteggiamento, proteggendo così i propri figli.

Insomma, parlate con i ragazzi, discutete apertamente con loro di tutte le tematiche e siate dei buoni esempi. Aiutate i ragazzi ad intraprendere attività di loro scelta che promuovano la sobrietà e il benessere.

Se conoscete qualche ragazzo o ragazza che ha un problema di alcol contattateci. Il Narconon offre un trattamento di successo che opera in tutto il mondo da quasi 50 anni.

Visita Narconon Prevenzione  per maggiori informazioni su droghe, alcol e farmaci.