Dipendenza e depressione

È molto comune che una persona si senta depressa quando smettedepressione di prendere droghe o di bere alcol dopo che ne hanno abusato per un periodo di tempo. Questa depressione che si presenta ogni volta che tentano di smettere, è uno dei fattori che riporta la persona a fare abuso della sostanza.

Si tratta quindi di un aspetto della dipendenza che va superato se una persona deve raggiungere la sobrietà a lungo termine. Ci sono ragioni sia fisiche che psicologiche per cui una persona si trova depressa quando è dipendente da una sostanza o quando sta provando a riprendersi.

Dal punto di vista fisico, le droghe e l’alcol distruggono la struttura chimica naturale del corpo con potenti stimolanti, sedativi o inibitori. Alcune droghe sovra-stimolano le funzioni del corpo, come cocaina, metanfetamina o ecstasy.

Altre, deprimono funzioni come il battito cardiaco o il ritmo respiratorio, come eroina, ossicodone e idrocodone. Persino l’alcol, che sembra all’inizio avere un effetto stimolante, deprime la respirazione quando se ne assume troppo.

Quando questa distruzione si protrae per un certo periodo, il corpo inizia a perdere l’abilità di produrre i suoi elementi chimici naturali che portano sensazioni piacevoli al corpo quando accade qualcosa di gradevole.

tavolataIl sesso, un buon pranzo, un successo nella vita, tutti questi eventi producono questi elementi, a meno che l’abilità del corpo di farlo non sia stata spenta.

Dopo che le droghe hanno fatto crollare questa capacità, quando una persona smette di prendere droghe, gli elementi chimici naturali non entrano in gioco e il risultato può essere l’incapacità di provare piacere.

La persona che sta provando a smettere si sente come se la vita fosse piatta e senza speranza. Ci si può sentire mentalmente, emotivamente e fisicamente storditi.

Come fuga da questo malessere, la persona spesso riprende ad usare droghe.

Potrebbe avere la sensazione che l’unico modo per provare nuovamente piacere o godersi la vita sia prendendo di nuovo droghe. Molto spesso essa abbandonerà la speranza di sentire di nuovo il sapore della gioia, della felicità.

Quindi questo fattore contribuisce ad intrappolarla nella sua dipendenza.

C’è un altro aspetto fisico che porta alla depressione di una persona dipendente. Man mano che droghe e alcol bruciano i nutrienti vitali nel corpo, e che la persona si nega le appropriate cure e la giusta alimentazione, il corpo si debilita.

Le persone che entrano in riabilitazione sono spesso in condizioni fisiche terribili prima di iniziare il programma. Quelli che prendono stimolanti potrebbero non aver dormito per diversi giorni e tendono a perdere completamente l’appetito. Chi fa uso di marijuana ha l’appetito stimolato, ma verso snack e cibi non nutrienti piuttosto che verso cibi costituenti e salutari.

Gli alcolisti potrebbero smettere di mangiare, o mangiare molto malamente.

 

I nutrizionisti hanno dichiarato che la deplezione (riduzione di una sostanza presente in un corpo) nutrizionale può contribuire alla depressione e che questa condizione può essere migliorata attraverso il giusto nutrimento.

Perciò lo stile di vita e gli effetti tossici delle droghe possono aumentare o creare la depressione dal nulla.

 

Esiste un terzo aspetto nella creazione della depressione in una persona lacrimedipendente ed è psicologica. Normalmente una persona dipendente ha avuto esperienza terribili quando ad esempio doveva procurarsi i soldi per la droga, comprare droga e farne uso. Essa potrebbe aver commesso crimini, potrebbe aver visto altre persone andare in overdose e morire. La dipendenza stessa può distruggere intere famiglie. Migliaia di euro che venivano conservati per scopi più produttivi, potrebbero essere stati sperperati per la droga.

Potrebbero esserci stati litigi, divorzi, perdite di custodia dei figli. Gli affari e i buoni impieghi vanno persi.

Ogni tossicodipendente sa che egli ha piegato la propria integrità personale nel corso della sua dipendenza. Questo crea un gran dolore personale a chiunque. Ma l’uso di ulteriore droga copre il senso di dolore e la perdita di integrità.

Essenzialmente, non ci sono buone ragioni perché una persona che è stata dipendente si senta depressa. Se una persona che non è dipendente avesse vissuto gli stessi eventi, avesse perso l’abilità di produrre i propri elementi naturali a seguito di eventi piacevoli nella vita e avesse abbandonato la speranza di migliorare probabilmente si sentirebbe anch’essa depressa.

Ma questi sono fattori normali in un tossicodipendente. Non sono facili da superare. Ci vuole più di qualche settimana perché il corpo riprenda le sue abilità di produrre elementi chimici naturali. Ci vuole un approccio riabilitativo che miri al rispetto di sé e all’integrità personale.

Ci vuole tempo prima che una persona ricostruisca le relazioni che sono state completamente distrutte dal tempo passato nella dipendenza.

Il programma Narconon di riabilitazione da droghe e alcol ha un approccio olistico e non usa farmaci per risolvere la depressione. Le persone che lo fanno hanno una possibilità di essere guidati attraverso la riparazioni di queste parti della vita in modo che la depressione non li intrappoli più nella dipendenza.

 Fonte: www.narconon.org/drug-addiction/depression.html